Logo ASEE

ARCHIVIO STORICO DELLE ECONOMISTE E DEGLI ECONOMISTI

Guida archivistica alle carte e alle corrispondenze degli economisti italiani


ARCHIVIO STORICO DELLE ECONOMISTE E DEGLI ECONOMISTI


Cao-Pinna Vera

Siliqua (Cagliari) 1909 - Roma 1986
Pagina Treccani https://www.treccani.it/enciclopedia/vera-cao-pinna_(Dizionario-Biografico)
Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Vera_Cao_Pinna

Vera Cao-Pinna è nata a Siliqua in provincia di Cagliari nel 1909. La sua vasta ed intensa attività  scientifica può essere riferita a tre grandi periodi: quello sardo degli studi giovanili, quello italiano degli studi dei problemi della programmazione e quello europeo degli studi delle previsioni economiche e dellâ??integrazione europea. Nel periodo sardo, Vera Cao-Pinna ha avuto come maestro Alfredo Niceforo ed ha orientato i suoi studi verso unâ??attività  di ricerca volta allâ??approfondimento dei problemi economici della Sardegna, con particolare riferimento alle condizioni di vita de...i gruppi sociali più disagiati. Nel periodo italiano, Vera Cao-Pinna ha orientato la sua attività  verso il collegamento degli strumenti analitici appresi durante gli studi giovanili ai problemi pratici che lâ??esperienza italiana dellâ??immediato dopoguerra poneva allâ??attenzione responsabile di quanti si trovavano ad operare sul piano sociale; ne è prova il fatto che Vera Cao-Pinna, negli anni a cavallo tra gli anni Quaranta e gli anni Cinquanta, è entrata a far parte di un gruppo di cultori delle tecniche della programmazione che si è imposto allâ??attenzione pubblica per il modo nuovo ed innovativo con cui si cercava di impostare e di risolvere i problemi economici. Parallelamente allâ??impegno profuso nella "messa a punto" delle tecniche di programmazione, Vera Cao-Pinna ha anche contribuito a riorganizzare la statistica ufficiale italiana. Nel 1944, è stata infatti incaricata dalla Commissione alleata di contribuire alla riorganizzazione tecnica dellâ??Istituto centrale di statistica per il riordino delle statistiche salariali, delle indagini sui prezzi e sul costo della vita, sugli sviluppi della produzione e dei censimenti industriali. Successivamente, trasferita alla Missione Unrra, ha contribuito alla ricostruzione della documentazione statistica sulla situazione economica post-bellica dellâ??Italia, partecipando infine alla impostazione dello schema Vanoni, primo esperimento di programmazione realizzato in Italia. Durante il suo impegno europeo, Vera Cao-Pinna è stata socio fondatore e vice presidente dellâ??Association scientifique pur la prèvision èconomique à  long terme, che raggruppava i più qualificati econometrici europei; lâ??impegno europeo è valso ad offrirle lâ??opportunità  di approfondire lâ??applicazione del modello delle relazioni intersettoriali di Wassily Leontief allâ??analisi del funzionamento dei singoli sistemi economici, diventando in questo specifico settore degli studi economici un indiscusso punto di riferimento per quanti erano interessati al nuovo strumento di analisi. La notorietà  tra gli economisti di Vera Cao-Pinna è da ricondursi alla lunga attività  di ricerca e di insegnamento che ella ha svolto nel campo dellâ??analisi delle relazioni intersettoriali; in Italia, infatti, sono state di Vera Cao-Pinna le ricerche pionieristiche sul nuovo strumento di analisi e i contributi per il suo adattamento al sistema di contabilità  nazionale e regionale. Al riguardo, si può solo ricordare che la prima tavola input-output per lâ??economia italiana è stata pubblicata dallâ??Istat nel 1965 con dati riferiti al 1959, ma già  nel 1952 Vera Cao-Pinna aveva elaborato, in collegamento con gli economisti statunitensi H.B. Chenery e P.G. Clark, la tavole delle interdipendenze settoriali dellâ??economia italiana riferita al 1950. Vera Cao-Pinna, malgrado il prestigio di studiosa e la fama di indiscussa conoscitrice delle moderne tecniche di analisi dei sistemi economici, pur avendo conseguito la libera docenza in statistica economica nel 1955, non ha mai vinto il titolo accademico di professore ordinario; ciò, sicuramente, è da imputarsi, in parte, ad una certa chiusura del mondo accademico italiano dellâ??immediato periodo post-bellico rispetto ai nuovi argomenti analitici e metodologici trattati e, in parte, alla sua specializzazione in una materia interdisciplinare come lâ??econometria che ancora stentava ad accreditarsi allâ??interno del mondo universitario italiano. Malgrado tutto ciò, Vera Cao-Pinna, a dispetto delle chiusure del mondo accademico che lâ??ha vista operare al suo interno, è stata maestra di unâ??intera generazione di economisti e di statistici, alcuni dei quali sono assurti in tempi recenti a prestigiosi posti di responsabilità  accademica. Vera Cao-Pinna è morta a Roma nel 1986. Continua a leggere




Nessun documento disponibile per queta tipologia



Nessun documento disponibile per queta tipologia



Nessun documento disponibile per queta tipologia



Nessun documento disponibile per queta tipologia



Elenco di risorse in rete relative all'economista