Logo ASEE

ARCHIVIO STORICO DELLE ECONOMISTE E DEGLI ECONOMISTI

Guida archivistica alle carte e alle corrispondenze degli economisti italiani


ARCHIVIO STORICO DELLE ECONOMISTE E DEGLI ECONOMISTI


Prato Giuseppe

Torino 1873 - Torino 1928



Documento Recensione del volume di scritti di Eugenio Azimonti

Fortunato informa Laterza che Giuseppe Prato, redattore della Riforma Sociale di Torino, parlerà del libro di scritti dell'Azimonti, da lui curato, "Il Mezzogiorno agrario quale è. Relazioni e scritti.

Scheda del documento  

Documento Sul volume di scritti dell'Azimonti

Giustino Fortunato torna a discutere con Giovanni Laterza degli scritti dell'Azimonti, "Il Mezzogiorno agrario quale è. Relazioni e scritti", sui quali sta apportando delle correzioni formali: "lo scritto dell'Azimonti è puro oro, ma la forma, Dio santo, è lombardo-svizzera! (...) Io ho fatto e farò del mio meglio affinché lo scritto al lettore del libro comparisca tutt'altro di quel che apparve al frettoloso scrittore del giornale "l'Unità". A Prato [Giuseppe], dunque, io mi raccomando. (...)".

Scheda del documento  

Documento Proposta di pubblicazione

Giuseppe Prato, autore per la Casa editrice Laterza del lavoro sui "Riflessi storici della economia di guerra", propone a Giovanni Laterza la pubblicazione del suo opuscolo "Terra ai contadini". L'opuscolo in questione, "La terra ai contadini o la terra agli operai?" era stato pubblicato come saggio in "La Riforma Sociale", vedi nota bibliografica. Non fu pubblicato dalla Laterza, ma a Milano dai Fratelli Treves sempre nel 1919.

Scheda del documento  

Documento Corrispondenza: Giuseppe Prato a Casa editrice Laterza (28-05-1919)

Prato ha ricevuto le copie del suo volume "Riflessi storici della economia di guerra". Allega alla lettera per Giovanni Laterza la lista di spedizione.

Scheda del documento  


Nessun documento disponibile per queta tipologia



Nessun documento disponibile per queta tipologia



Nessun documento disponibile per queta tipologia



Elenco di risorse in rete relative all'economista